ROBERTO SARTI: L’EREDITÀ DEGLI INCA PER I GIORNI NOSTRI

Invia ad un amico

In questa intervista ho un’altro ospite molto speciale: Roberto Sarti, maestro di quarto livello della Tradizione Andina, Coach personale, ricercatore e formatore.

Roberto studia e divulga la tradizione andina dal 1997 e ha ricevuto l’iniziazione dai più importanti maestri andini di quarto livello della nazione Q’Ero, la comunità indigena del Perù che più ha mantenuto l’integrità degli insegnamenti della tradizione incaica.

In questa diretta scopriremo l’eredità degli Inca per i giorni nostri: ovvero un insieme di tecniche energetiche facili da imparare e da eseguire per il benessere psicofisico, migliorando la relazione con sé stessi e con gli altri.

LE DOMANDE

Queste sono le domande che gli ho fatto nel corso dell’intervista:

  1. Studi e divulghi la Tradizione Andina dal 1997, potresti spiegarci nel modo più semplice possibile cos’è questa tradizione?
  1. Secondo te cosa ha da offrire questa tradizione all’uomo moderno? Quale impatto può avere nella nostra vita quotidiana?
  1. Una delle caratteristiche che ho sempre apprezzato di questa tradizione è la sua semplicità, perché non ci sono dogmi o aspetti religiosi ai quali aderire, ma solo tecniche molto pratiche. Questo probabilmente è dovuto anche alle necessità della nazione Q’Ero di sopravvivere agli spagnoli e a grandi altitudini, per cui hanno dovuto eliminare tutto ciò che era superfluo. Puoi dirci qualcosa in più sulla storia di questa tradizione e sugli Inca stessi da cui deriva?
  1. Quali sono gli elementi essenziali della tradizione andina? Ovvero gli aspetti chiave su cui si fonda la loro cosmovisione e le loro tecniche. Vuoi dirci qualcosa in più su questo?
  1. Ti ho sentito parlare spesso di come questi elementi non si trovano solamente nella tradizione andina, ma hanno dei parallelismi anche in altri popoli e tradizioni: come gli etruschi in Italia o i popoli che hanno costruito i templi megalitici di Malta (che abbiamo visitato insieme). Potresti dirci qualcosa in più su questo?
  1. Tu hai iniziato a studiare questa tradizione tanti anni fa ed era abbastanza sconosciuta all’epoca, invece oggi la tradizione andina inizia ad essere più conosciuta, secondo te quali sono le incomprensioni e gli errori più comuni che vengono fatti oggi quando si parla di questa tradizione?
  1. Ti andrebbe di parlarci di più del tuo percorso in questa tradizione? Quanto tempo ci hai messo a diventare un maestro di quarto livello? Quali sono gli ostacoli più importanti che hai dovuto superare e le esperienze più importanti che hai vissuto?
  1. Secondo te qual’è la cosa più importante che hai imparato in questi anni, che sentiresti di dire a coloro che sono già su un percorso di crescita personale e spirituale?
  1. Se ispirato dalle tue parole, uno dei nostri ascoltatori si svegliasse domani mattina e decidesse di voler integrare questa tradizione nella sua vita e imparare a camminare nel cosmo vivente, quale sarebbe il primo passo che chiunque potrebbe fare per iniziare?
  1. Dato che siamo arrivati alla chiusura, come si fa ad approfondire il tuo lavoro e a restare in contatto con te? Ci sono iniziative particolari che stai portando avanti in questo periodo e di cui ci vuoi parlare?

LE INTERVISTE SETTIMANALI

Le risposte di Roberto Sarti sono state molto interessanti, guarda la registrazione dell’intervista per conoscerle.

Ricorda che ogni Mercoledì alle 21.00 sono in diretta su Facebook per intervistare i maggiori esperti italiani di crescita personale e spirituale.

Partecipare è semplicissimo: ti basterà visitare la mia pagina Facebook, il video della diretta comparirà in automatico sulla pagina (aggiorna più volte se non la vedi).

Ricordati di mettere “Mi Piace” sulla pagina, così riceverai l’avviso quando saremo in diretta e non perderai l’inizio.

Un caro saluto e sii felice!


Sautón Meditation Sautón Meditation
RICEVI I VIDEO SETTIMANALI CON I MIGLIORI INSEGNAMENTI, STRUMENTI E INTERVISTE PER ESSERE FELICE:

Commenti COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO O CHIEDICI UN CONSIGLIO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito usiamo cookie di prima o terza parte per rendere sicura la navigazione, personalizzare contenuti e pubblicità e generare report sull’utilizzo. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.